Milano, 19 set. (Adnkronos) - Un 20enne nigeriano è stato arrestato dagli agenti della questura di Varese dopo un lungo inseguimento. Il ragazzo è uno spacciatore che voleva evitare il controllo di polizia e ha percorso in bici tutte le vie del centro in fuga, per far perdere le sue tracce. Alla fine, raggiunto, ha scagliato la bicicletta contro l’auto di servizio, danneggiandola, e si è messo a correre verso Piazza Della Repubblica. Lì, gli agenti lo hanno preso e ammanettato.
Perquisito sul posto, il 20enne, senza fissa dimora e noto alla questura per i suoi numerosi precedenti penali, ha tentato di nascondere droga e denaro. E' stato arrestato per il reato di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e deferito per i reati di spaccio di sostanze stupefacenti e danneggiamento. In udienza, il giudice di Varese ha convalidato l’arresto del nigeriano e disposto l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Condotto nuovamente negli uffici, si è scagliato più volte contro gli agenti pretendendo che gli restituissero il denaro sequestrato e finendo poi per prendere a pugni una parete in cartongesso della sala di attesa della questura. Il 20enne è stato quindi deferito anche per il reato di danneggiamento aggravato.