Roma, 5 ago. (Labitalia) - Rinnovate le cariche ed insediato il nuovo consiglio di amministrazione della Fondazione studi consulenti del lavoro per il mandato 2021-2024, un triennio che si preannuncia ancor più decisivo per la Categoria nel ruolo di esperti delle dinamiche del lavoro e per accompagnare le imprese verso una nuova normalità una volta superato il periodo pandemico. Confermata la presidenza di Rosario De Luca che sarà accompagnato dal vicepresidente Carlo Martufi e dai consiglieri Luca Caratti, Serafino Di Sanza, Giuseppe Oggiano, Paolo Puppo e Vincenzo Testa.
Per il collegio dei revisori, invece, la nomina di Giuseppe Buscema in qualità di presidente e di Gloria Cappagli e Marcello De Carolis come componenti. Alla vigilia di un triennio importantissimo per i Consulenti del lavoro, impegnati in prima linea in quest’ultimo anno e mezzo di emergenza sanitaria ed economica per evitare il più possibile ripercussioni su aziende e lavoratori, formazione e informazione saranno al centro degli obiettivi del nuovo mandato della Fondazione che ha tra i suoi compiti primari quello di sostenere le attività del Consiglio Nazionale dell’Ordine e valorizzare la figura del Consulente del Lavoro attraverso il costante aggiornamento e perfezionamento tecnico, scientifico e culturale.
Sulla spinta alla crescita del Paese dettata dall’attuazione del recovery plan “è quanto mai necessario raccontare i cambiamenti che investono il mercato del lavoro e impattano sulle piccole e medie imprese e allo stesso tempo incrementare la competenze dei consulenti del lavoro attraverso la formazione", spiega il Presidente De Luca. "La professione - sottolinea -continuerà ad essere chiamata ad uno sforzo di aggiornamento importante per stare al passo con un mercato del lavoro in continua evoluzione e profonda trasformazione che apre nuovi spazi di attività". Nel rispondere a questa sfida saranno molteplici i progetti da portare avanti con i diversi strumenti a disposizione.