Alert di portafoglio: forte recupero per l'indice Ftse Mib

Forte recupero per l'indice Ftse Mib (+3,03%) dopo due sedute consecutive di segno negativo.

Per provare gratuitamente il servizio per una settimana in email e sms entra in MyTREND e registrati. Il servizio clienti risponde anche al Numero Verde 800.911.799. SITUAZIONE PORTAFOGLIO FTSE MIB: Forte recupero per l'indice Ftse Mib (+3,03%) dopo due sedute consecutive di segno negativo. L'indice ha completato il doppio minimo disegnato nella giornata di martedi' in area 18400 ed e' giunto a testare, grazie anche al traino dei mercati Usa rivitalizzati dall'uscita sul dato dei beni durevoli di maggio, quota 19025. Il rialzo, per quanto esteso, non ha superato per il momento resistenze rilevanti e rischia quindi di dimostrarsi una semplice reazione tecnica all'ipervenduto che si era accumulato sugli indicatori di breve a seguito del ribasso di lunedi'. Il superamento di area 19250 sarebbe un primo segnale in favore di una reazione estesa, segnale che se confermato oltre 19500 (50% di ritracciamento del ribasso dal top di due venerdi' fa) potrebbe portare i prezzi nuovamente in area 20000 punti. La mancata rottura di 19250 e discese al di sotto dei 18750 punti farebbero temere la ripresa del ribasso. Sotto i minimi di martedi' a 18416 rischio di proseguimento della discesa fino in area 17500 con supporto intermedio a 18000.L'INDICE FTSE MIB: Reagisce con forza il FTSE Mib che riesce ad archiviare la seduta in rialzo di oltre 3 punti percentuali. Netta prevalenza dei titoli con il segno positivo tra quelli del listino a conferma di come gli acquisti abbiano interessato piu' o meno tutti i settori. In evidenza il comparto oil ma rialzi interessanti sono stati fatti segnare anche da Cir, Mediolanum e A2A. Ancora una seduta contrastata per i 2 titoli in portafoglio, Campari ha infatti ceduto terreno perdendo parte del guadagno accumulato ieri (il titolo resta comunque in lista mantenendosi al di sopra dei livelli di ingresso) mentre Stm ha messo a segno un buon rialzo che ha permesso di allentare le tensioni dopo lo scivolone di ieri. I prezzi dovranno tuttavia confermare i progressi odierni anche nelle prossime due sedute per scongiurare nuove pericolose ricadute.