Alert di portafoglio: pesante avvio di settimana

Pesante calo in avvio di ottava per l'indice Ftse Mib (-4,17%), influenzato anche dallo stacco di dividendi "importanti" come quelli di di A2A, Enel, Tenaris e Terna.

Per provare gratuitamente il servizio per una settimana in email e sms entra in MyTREND e registrati. Il servizio clienti risponde anche al Numero Verde 800.911.799. SITUAZIONE PORTAFOGLIO FTSE MIB: Pesante calo in avvio di ottava per l'indice Ftse Mib (-4,17%), influenzato anche dallo stacco di dividendi "importanti" come quelli di di A2A, Enel, Tenaris e Terna. Le quotazioni sono scese fino al di sotto dei 18600 punti dopo aver terminato la settimana scorsa a 19347. Se la violazione del supporto di quota 18752, minimo del 18 maggio, dovesse trovare conferma nelle prossime ore, l'indice potrebbe andare incontro ad una fase ribassista estesa. Gia' la discesa al di sotto dei 20000 punti aveva comportato la violazione della linea di tendenza tracciata dai minimi di marzo, un primo segnale ribassista, ma il quadro potrebbe ancora aggravarsi. In area 20600/700 l'indice ha infatti disegnato un potenziale doppio massimo, figura che e' stata completata dalla violazione di 18750 con un target a 16750 almeno. Considerando che oggi ha contribuito lo stacco dei dividendi a portare l'indice sotto il supporto e che lo stesso non e' stato ancora abbandonato (i prezzi hanno chiuso poco al di sotto) e' possibile rimanere ancora in attesa di un tentativo di ripresa, ma se la violazione di area 18750 dovesse essere confermata nelle prossime ore sarebbe difficile trovare appigli ai quali affidare le speranze di una ripresa. Sotto 16750 supporto a 16105, base del gap rialzista del 2 aprile. Solo rimbalzi oltre i 18750 punti potrebbero portare ad un nuovo test di 19400, resistenza oltre la quale il trend rialzista in atto da marzo potrebbe tentare di mantenersi vivo.