Alert di portafoglio: settimana negativa per l'indice Ftse Mib

Settimana negativa per il FTSE Mib che ha cercato di reagire nelle ultime due sedute limando cosi' le perdite accumulate in precedenza.

Per provare gratuitamente il servizio per una settimana in email e sms entra in MyTREND e registrati. Il servizio clienti risponde anche al Numero Verde 800.911.799. SITUAZIONE PORTAFOGLIO FTSE MIB: Settimana negativa per il FTSE Mib che ha cercato di reagire nelle ultime due sedute limando cosi' le perdite accumulate in precedenza. In portafoglio abbiamo alleggerito le posizioni chiudendo quella su Mediolanum scesa fino a quota 3,50 prima di accennare un rimbalzo. Restano in lista Campari ed Stm che dovranno comunque meritarsi la nostra fiducia tornando a salire gia' da settimana prossima, circostanza che allontanerebbe il rischio di ulteriori tagli alla componente azionaria del portafoglio. Tra gli altri titoli del listino da seguire con interesse segnaliamo A2A, Finmeccanica, Lottomatica e Impregilo.L'INDICE FTSE MIB: Nonostante il tentativo di rimbalzo messo a segno nelle ultime due sedute dell'ottava l'indice Ftse Mib ha archiviato una settimana di segno negativo, la prima dopo tre ottave consecutive chiuse al rialzo. La discesa al di sotto dei 20000 punti ha comportato la violazione della linea di tendenza tracciata dai minimi di marzo, un primo segnale ribassista che se confermato nelle prossime sedute da discese al di sotto del supporto di quota 18750, minimo di meta' maggio, avvierebbe una fase negativa di ampiezza rilevante. In area 20600/700 l'indice ha infatti disegnato un potenziale doppio massimo, figura che verrebbe completata dalla violazione di 18750 con un target a 16750 almeno (in analisi grafica l'obiettivo conseguente il completamento di figure di inversione come questa si ottiene proiettandone l'ampiezza dal punto di rottura). Sotto 16750 supporto a 16105, base del gap rialzista del 2 aprile. Solo rimbalzi oltre i 19650 punti potrebbero portare ad un nuovo test di 20700, resistenza oltre la quale il trend rialzista in atto da marzo si potrebbe dire ripreso.