Che i prezzi di Azimut registrati a fine dicembre fossero vergognosamente bassi ( minimo relativo registrato il 27 dicembre a 9.25) rispetto ai fondamentali è stato ampiamente sottolineato già nell'analisi dello scorso 25 gennaiodove le raccomandazioni fornite si sono rivelate corrette:

Strategie a breve su Azimut 

Distribuire in più momenti d'acquisto il capitale disponibile per l'investimento, lungo la fascia di prezzo compresa tra 11.00 e 9.70 euro, con stop loss unico a 9.20 e target oltre i 13 euro.

Idee a medio termine su Azimut

Accumulare il titolo in quanto i prezzi sono palesemente a sconto rispetto ai fondamentali e alla valutazione dei competitor, come ad esempio FinecoBank e Banca Generali. 

Più difficile prevedere una serie di massimi crescenti così imponente da fare accumulare al titolo un guadagno di oltre il 60% in poco più di due mesi.

Infatti grazie anche ad una serie di giudizi favorevoli da parte degli analisti ( target medio a 22 euro), Azimut ha intrapreso la fortunata genesi da titolo più "shortato" del Ftse Mib ad uno dei più ammirati, grazie ad una politica di espansione all'estero che inizia a dare i sui frutti in termini di redditività.

Il target fornito inizialmente oltre i 13.40, insieme al livello più alto di 14.30 euro, adesso forniscono un'ottima base d'appoggio nel medio termine per verificare la solidità della spinta rialzista.