Il FtseMib disegna una hanging man che tocca i massimi dal 9 marzo. L’indice archivia la terza settimana positiva consecutiva consolidando sopra il livello psicologico dei 20.000 e riducendo il rosso da inizio anno (-13.13%) grazie a una serie di eventi che abbiamo analizzato in questo articolo.

Lunedì i mercati saranno chiamati a “digerire” le decisioni del Consiglio Europeo straordinario in particolare sul Recovery Fund su cui c’è stato un duro braccio di ferro tra Italia e Paesi frugali.

Prosegue il rally anche in America in cui sorprende soprattutto l’andamento del Nasdaq che per più di 40 giorni  non ha mai avuto due sessioni consecutive al ribasso. I mercati Usa saranno interessanti da una nuova tornata di trimestrali. In particolare martedì seguiremo i numeri di Coca-Cola, Covivio, Lockheed Martin, Novartis, Philip Morris International, Texas Instruments, United Airlines Holdings. Mercoledì: Glaxosmithkline, Microsoft, Monrif, Nasdaq, Netgear, Tesla e Whirlpool. Giovedì: Expedia, Intel, Mattel, Stmicroelectronics, Tata Motors e Twitter. Infine venerdì: American Express, Bb Biotech, Goodyear e Honeywell International.

Operativamente abbiamo un titolo energetico in portafoglio, che mostra interessanti segnali di reazione, dopo una corposa discesa.

Tra i titoli interessanti per la prossima seduta, segnaliamo.

Ci attendiamo volatilità su UBI BANCA dopo il ritocco dell’offerta di Intesa Sanpaolo che mette sul piatto altri 652 milioni di euro. Ora il controvalore monetario complessivo dell'Offerta è pari a 4,12 miliardi, di cui 3,47 miliardi quanto al corrispettivo in azioni e 652.242.533 euro in denaro.

ENEL prosegue l’up trend che ha generato un apprezzamento del 46% nelle ultime 9 settimane. I prezzi si riportano a contatto con la resistenza chiave in area 8.5€. Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un solido segnale di continuazione rialzista.

LEONARDO prosegue il rally apprezzandosi del 13.92% nelle ultime 5 sedute. Attendiamo un rapido pull back che ci consenta di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.

Fra le Small Cap: le preferite dal nostro RI (Reccomendation Index) sono: Cucinelli, Hera e Piaggio.

Monitorando i movimenti delle mani forti scopriamo che nel corso degli ultimi 5 giorni le variazioni più rilevanti sono su IMA su cui crescono le posizioni short del 45.7%.