Come previsto, il mercato dopo essere entrato in una pericolosa fase speculativa, si è velocemente sgonfiato, andando subito a testare il primo supporto indicato a 21.200 di FtseMib.
L’annuncio venerdì scorso del quantitative easing europeo ha così rispettato il classico detto in Borsa “buy on rumors and sell on news”; consideriamo comunque tale discesa assolutamente fisiologica e salutare.
Dal punto di vista tecnico non viene infatti intaccato il trend rialzista di medio periodo; l’indice potrebbe scivolare ulteriormente a breve fino a 20.650 punti, tuttavia già da questi valori proverà nei prossimi giorni a rialzare la testa.
Segnale di inversione solo sotto l’area 20.100/20.000, ritenuta al momento poco probabile.

Operativamente, per chi fosse andato al ribasso per il trading settimanale, si consiglia, se non lo si è già fatto, di chiudere integralmente la posizione attorno a 21.200 e di procedere ad acquisti selettivi sui titoli già da questi valori, pianificando le entrate su tre tranches…prendendo per comodità l’indice, potremmo quindi considerare buoni questi livelli.. 21.200, 20.900 e 20.650 di FtseMib e gli obiettivi li fisseremo a 21.900 e a 22.200, magari gia’ per la fine del mese.