Si è aperta la settimana delle scadenze tecniche di ottobre ed i movimenti anomali sul future dicembre ed indice si sono ulteriormente amplificati.

Dopo essere ritornati giovedì, di nuovo, sui supporti di 16000/16100 circa, rispettivamente, nell'ultima seduta della settimana tutto si è di nuovo ribaltato, con un vigoroso rimbalzo verso le resistenze intermedie di 16500/600, amplificato sempre dai titoli finanziari, notamente il duo Bpm/Banco popolare, in dirittura di arrivo fusione.

Il giorno prima si era svenduto ed il successivo...ricomprato, e anche lunedì ci potrà essere un allungo, dopo una partenza  debole, per scarico  di ipercomprato di brevissimo, fino al massimo di 16700/800, di future Dicembre/ Indice. Perfetto, per vendere su dicembre / marzo ancora opzioni call 18500/ 19000 e put, stesse scadenze, 15500/15000 rispettivamente, ma ora nel rapporto  2 call ed 1 put.

Prevediamo infatti, prima o poi, ma ormai... la molla è sufficientemente carica, un'uscita da questo lungo e continuo "yo-yo", che ha concesso ormai dalla scorsa primavera una troppo lunga lateralità. 

Più verosimilmente, si verificherà un ulteriore attacco ad area 16000/ 16100 di future dicembre indice , che ci porterà in prima battuta sui 15800/15900 e poi, sostando brevemente in area 15500/600, diritti diritti, velocemente sui 15100/200. Da dove, altrettanto velocemente rimbalzare di nuovo verso la resistenza intermedia, precedente supporto, appunto 15500/600. Ma per questo...c'è ancora tempo e sarà un tema che affronteremo, con la dovuta precisione.

Ad inizio settimana, per stare sul brevissimo e breve termine, affronteremo quindi, il ritorno sulle resistenze, anche di quel manipolo di titoli da noi consigliati, in occasione dei supporti toccati da mercoledi/giovedì scorso e che ora rappresentano e rappresenteranno, in primis, buone occasione per alleggerire/vendere.