Se volessimo dare un’interpretazione ciclica del mercato italiano in questa sua fase più recente, potremmo notare un movimento rappresentato da 3 onde ascensionali costituite da onde 1, 3 e 5 (vedi Figura 1 in basso).

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

Il minimo del 18 maggio di 20.480 punti di future sull’indice Ftse Mib 40 è quindi un punto di riferimento importante e fondamentale per capire se l’up-trend sia finito, in quanto denota, in base all’analisi di Elliott, un possibile punto di inversione la cui violazione attrarrebbe i prezzi fino all’area di un doppio supporto grafico in area 19.500 – 19.450 (Figura 2).

Figura 2. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

Lì attenderebbe i prezzi anche la copertura di un gap che rappresenta, sempre in base all’ analisi tecnica, un convalidato polo attrattivo.

In questo contesto comunque “positivo fino a prova contraria”, riusciranno alcuni titoli, sulle ali dell’euforia (o della bolla speculativa, a seconda dei punti di vista) a raggiungere nuovi massimi?

La domanda può risultare pertinente a proposito di Bonifiche Ferraresi, il cui grafico settimanale sta disegnando una flag o bandiera che è una possibile figura di continuazione finalizzata a far proseguire il titolo verso le sue resistenze di lungo periodo (27,40 euro in Figura 3)