Impressionante serie di massimi crescenti per Piaggio che in chiusura di settimana mette a segno un rialzo di quasi 10 punti percentuali e dal 25 marzo i rendimenti sommano uno strabiliante +24 per cento.

I prezzi corrono nelle ultime sedute grazie alle parole rilasciate da Roberto Colaninno, maggiore azionista della società grazie ad un leveraged buyout su Piaggio stessa da parte di Immsi, per circa 550 milioni, e successiva quotazione nel 2006, che parla di un trimestre eccellente in termini di vendite.

Tanto basta ad esaltare gli investitori che continuano a comprare, con testimoniano i volumi scambiati triplicati rispetto alla media a partire dal breakout oltre i 2 euro di fine febbraio scorso.

La maggioranza dei broker concorda su un target price medio intorno a 2.70 euro, evidenziando come l'incremento delle vendite genererà un cash flow maggiore.

Ciò a sua volta consentirà di coprire gli elevati oneri finanziari gravanti sul gruppo e pari a circa 430 milione a fine 2018.

Per quanto riguarda la struttura tecnica del prezzo, la dinamica rialzista assunta potrebbe proseguire superando la forte resistenza posta a 2.70 euro.