Seduta rialzista sorprendente per il Ftsemib future che non lascia scorrere troppo tempo prima di reagire alle vendite, le quali rischiavano di spingere i prezzi sotto i 16000 punti.

Invece grazie ad una apertura tonica i prezzi stabilizzano subito la fascia di supporto più importante a 16430/650 punti, violata per pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street il cui sostegno amplia l'opera di recupero del Fib verso la critica dei 16800 punti.

Sfortunatamente non ci sono compratori a sufficienza disposti a rischiare tanto da spingere i prezzi almeno a ridosso dei 17080, e invece ne approfittano per incassare al volo spingendo il Fib a testare ancora quota 16430 pti.

L'engulfing bullish pattern candlestick visibile sul grafico giornaliero, perde la sua solita valenza rialzista in quanto collocato in un contesto di volatilità precedente estrema.

Tale caratteristica rende le dimensioni delle candele inadeguate rispetto ai livelli raggiunti in precedenza, e dunque segnalando semplicemente una maggiore solidità dello schema laterale compreso tra 16300 e 16700 punti.

Anche l'indicatore di trend cci conferma l'appiattimento della linea di tendenza, segnalando in sostanza l'assoluta mancanza di compratori disposti a spingere i prezzi oltre la quota d'inversione del trend di breve a 17800 punti.

La prospettiva di per oggi rimane infatti confinata entro gli estremi di 16350 e 16840 senza tentativi volti a spezzare il trading range attuale, anzi con le probabilità che rimangono elevate circa la violazione di quota 16300 punti.

Troppo fragili i fondamentali del contesto economico che si prospetterà dopo il picco epidemico, per sperare in un rilancio duraturo delle quotazioni almeno oltre i 17300 punti.

Lo scenario ribassista dominante infatti mantiene viva la minaccia di spingere sotto quota 16000 punti, nell'eventualità di un peggioramento della situazione negli USA il cui picco epidemico è ancora distante, rendendo più difficile per il Fib superare almeno quota 17500 pti.

Indicazioni operative e Strategia intraday sul Ftsemib future

(confronta l'analisi precedente)

Per le posizioni long: attendere la fine della fase d'apertura valutando ingressi sotto i 16540, con stop di massimo 130 punti e target oltre 16830 pti.

Con in profilo di rischio minore verificare il solito test lungo i livelli più bassi entro i 16370, rischiando uno stop di massimo 130 punti e target oltre 16640 pti.

Qualora dovesse migliorare l'impostazione positiva dei prezzi oltre quota 15900 sarà utile, con strumenti alternativi e poca spesa, valutare ingressi al rialzo.

Più precisamente acquistare opzioni Call, strike 17000 o 18000 scadenza maggio 2020, con l'obiettivo di vedere il Ftse Mib lontano dai minimi entro la fine di aprile.

Per le posizioni short: verificare il possibile superamento della resistenza a 16790 dopo la fase d'apertura, rischiando al massimo 120 punti di stop e target sotto 16530 pti.

Vendite a prezzi più bassi vanno evitate fintantoché non ci saranno conferme sulla possibile debolezza di Wall Street, puntando al target sotto 16330 punti.                           Grafico Ftse Mib di TradingView