Chiusura di settimana a dir poco volatile per il Ftsemib future che dopo lo strappo d'apertura impressionante a 23700, supera i massimi relativi di novembre fissando un nuovo record a 23850 punti.

I compratori considerati i temi macro scottanti degli ultimi giorni non fanno in tempo a "godersi il panorama", che incassano i guadagni testando per l'ennesima volta quota 23250 punti.

È una autentica ammissione di rinuncia a violare la soglia psicologica dei 24000 punti, come dimostrano le dimensioni della black candle disegnata, la quale taglia di netto ben quattro livelli di supporto da 23680 a 23370, passando per 23580 e 23440 pti.

L'indicatore di trend cci sul grafico giornaliero non subisce grandi contraccolpi granzie al nuovo massimo a 23850, ma flette leggermente l'inclinazione verso l'alto rallentando l'andatura.

Soprattutto fermandosi a quota 65 punti circa evidenzia il ritardo rispetto ai massimi registrati nel mese di novembre, conferma una divergenza ribassista tutta da dimostrare.

Sul grafico orario le indicazioni fornite dal cci sono leggermente migliori grazie al recupero effettuato nel finale che ha ribadito la solidità di quota 23250 e la centralità dei 23400 punti, utile a capire le reali intenzioni degli operatori.