Degenera la situazione politica in Iraq con il rischio di un intervento militare Usa di vasta portata e che la diplomazia internazionale tenterà di evitare, ma contro il quale gli investitori decidono di anticiparne gli effetti, liquidando le posizioni al rialzo.

Il rinvio del superamento dei massimi costa caro al Ftsemib future, che chiude la prima settimana dell'anno lontano da quota 23960 e soprattutto con un nuovo test del supporto a 23400 punti.

Di questo passo non solo diventa difficile superare lo sbarramento dei 24000 punti, ma si consolida una struttura di massimi decrescenti pericolosa, in grado di estendere la correzione al di sotto dei livelli d'inversione del trend di breve a 23200 punti.

L'Hammer disegnato venerdì sul grafico giornaliero delinea un configurazione candlestick ribassista, l'harami top, meno pericolosa di altre ma che rimanda ad oggi il possibile sviluppo della dinamica negativa, con il rischio di chiusure sotto quota 23400 punti.

L'indicatore di trend cci sul grafico giornaliero completa un doppio massimo decrescente, evidenziando un deciso aumento della pressione in vendita nonostante il recupero nel finale, con la prospettiva che il baluardo a quota 23400 sia prossimo alla capitolazione.