Si chiude con il ripristino dei 21.400 punti una settimana difficile per il Ftsemib future, travolto dalla controffensiva ribassista che ha annullato praticamente tutti i progressi accumulati a settembre.

La situazione dal punto di vista strettamente tecnico rimane precaria, con i supporti a 21.100 e 21.380 non ancora confermati e il rischio di un loro cedimento è ancora elevato.

Infatti qualora Wall Street non dovesse trovare continuità nella fase di recupero sarà inevitabile aspettarsi anche per gli indici azionari europei una ripresa delle vendite, che spinga ad esempio il Ftsemib future al test chiave dei 21.200 punti.

Al contrario il completamento sul grafico giornaliero del pattern candlestick denominato three morning star, con un'ulteriore buona chiusura oltre i 21.640 punti, potrebbe indurre i compratori a rispondere al violento ribasso di mercoledì scorso con un exploit oltre i 21.870 punti.

Sfortunatamente le indicazioni fornite dal cci sul grafico giornaliero non confermano lo scenario positivo così delineato, in quanto la pressione misurata in acquisto rimane non adeguata a risollevare la tendenza dell'indicatore di trend.

Infatti i valori negativi riportati a -82 punti ed una china discendente, solo leggermente rallentata dal recupero di venerdì, confermano l'insufficienza della reazione rialzista che vede nel raggiungimento di quota 21.670 pt la condizione minima per il ripristino del trend rialzista.

La prospettiva per oggi è legata alla necessità di consolidare prima le resistenze più immediate, come 21.370 e 21.430, eventualmente aggredire quota 21.530 e poi riprendere il largo oltre 21.770 punti.