Seduta negativa e in controtendenza per il Ftsemib future rispetto alle principali piazze azionarie, che evidentemente accusa il colpo dal richiamo UE circa l'incapacità della manovra economica di fronteggiare adeguatamente la riduzione del debito pubblico.

Il peggioramento strutturale del deficit non rispetta le decisioni prese all'Ecofin e ciò costringe il premier Conte a fornire chiarimenti entro oggi, con gli operatori che percepiscono tale circostanza come una mezza bocciatura della manovra, rinnovando le ansie sul rischio paese.

Movimento negativo comunque non eclatante con un range in linea con le sedute precedenti e con la tenuta dei supporti indicati a 22.300 e 22.230 punti, sebbene un massimo relativo oltre i 22.400 punti avrebbe migliorato la struttura tecnica dei prezzi.

Oggi infatti dopo la formazione di due doji star a ridosso del livello di sostegno più immediato potrebbe arrivare una rottura diretta verso quota 22.100 punti o la formazione di un'altra candela neutrale a completare il pattern candlestick denominato three doji star.

La valenza negativa della configurazione evidenzia l'equilibrio apparente delle forze in campo e un graduale ridimensionamento delle prospettive rialziste dei compratori, che smettono di alimentare il rialzo, a cui per il momento non si contrappongono consistenti prese di beneficio.