Inizio di settimana fatto di conferme per il titolo Juventus che centra l'obiettivo immediato di 1.60, stabilizzando il supporto a 1.41 euro.

Fa certamente impressione l'ampio strappo di prezzo compiuto all'indomani della "remuntada" contro l'Atletico Madrid, con le quotazioni letteralmente "esplose" ad un +30% registrato in apertura.

Ma attualmente occorre fare valutazioni extra calcistiche prendendo spunto da considerazioni sia di ordine fondamentale, che di tipo tecnico, misurando il grado di interesse attuale da parte degli investitori.

Con una capitalizzazione ai prezzi attuali che supera di poco 1.6 miliardi di euro, un fatturato consolidato atteso a fine stagione intorno ai 550 milioni e un utile negativo per circa 60 mln (contabilizzando le entrate previste solo fino ai quarti di Champions), la maggioranza delle azioni è saldamente nelle mani di Exor con il 64% circa del capitale.

Inoltre con un patrimonio netto pari a circa 80 mln ed un indebitamento finanziario che supera i 380 milioni, il quadro essenziale che emerge da questi dati è di una società che ha la necessità di mantenere quanto meno stabili i ricavi raggiunti.