In attesa dei tanti dossier ancora insoluti, sopratutto nostrani ed in particolare bancari (il destino, pratico, di Mps ed il prezzo dell'aumento Unicredit, su tutti), il nostro mercato ondeggia ormai in un laterale delimitato dai 19100/200 di future Marzo/indice ai 19800/900.

Il dollaro in un range addirittura ancora più ridotto, 1,0650/1,0750, insomma, un mercato ingessato...fino a che qualcosa di veramente "forte", non necessariamente, ci auguriamo, un cigno nero, ma anche una notizia positiva, sempre però poco plausibile, non arrivi ad imprimere una netta direzionalità. 

Pochi temi, ma importanti, riescono a vivacizzare ancora questo nostro listino, ormai abbondantemente sotto il miliardo di controvalore, quasi dimezzato negli ultimi 5 anni, a favore di Etf, ma sopratutto di altri mercati e strumenti più liquidi. Cosa rimane, a parte quei pochi buoni titoli, che noi suggeriamo, ai nostri abbonati, ormai da tempo. Solo le poche storie, già segnalate, di inizio anno.

Bella reazione di YookNap, dai poco sotto i 24 euro, supporto da noi suggerito ai nostri abbonati per un intervento, vedere precedenti, ad oltre 24,50.

Molto debole invece, anche questo ampiamente segnalato, Poste Italiane, che ha rotto anche i 6 euro e si appresta a breve termine a raggiungere il supporto di 5,8, dove suggeriamo , per i ribassisti, di prendere solo parziale profitto in attesa del collocamento totale primaverile di un altro 30%.

Su Telecom rnc, in questo momento di enpasse sul dossier Vivendi Mediaset, rientrare sullo storno, annunciato, riacquistando sul supporto 0,66/6650.

Mantenere i due "box" di opzioni ed i relativi titoli  Fca e Generali, come indicato precedentemente.