Contrariamente questa volta alle attese, Piazza Affari riesce ancora a salire sopra i 20.000, segnando al momento un quadruplo massimo in area 20.400 di FtseMib.

Spread buono, ma sempre ancorato a 165; come già anticipato, solo una discesa a 150 potrebbe in qualche modo “giustificare” ulteriori allunghi dell’indice.

Si ritiene quindi che il mercato (e non solo il nostro..) sia in qualche modo “arrivato” a breve e che una correzione più o meno marcata sia anche salutare.

Tecnicamente dobbiamo quindi ancora aspettare una discesa sotto 20.000 per aver un chiaro segnale di ribasso; gli obiettivi rimangono quelli a 19.150 e in area 18.500/18.300 per il mese di agosto.

Segnali invece di forza ulteriore con una chiusura sopra l’area 20.400/20.500; la resistenza a 21.000 sarebbe a quel punto a portata di mano, anche se a rischio decisamente elevato.

Operativamente si consiglia quindi di sfruttare questo momento per alleggerire ulteriormente la posizione e addirittura di azzerarla in caso di una nuova salita; si confida quindi in un movimento correttivo per le prossime settimane che ci possa far rientrare a prezzi più appetibili; per chi non volesse liquidare i titoli, si può sempre impostare un’operatività al ribasso sull’indice, in ottica di copertura di portafoglio.