Prosegue la fase di lento recupero di Piazza Affari, anche oltre le attese, tuttavia lo scollamento tra i mercati e quello che sta succedendo con la seconda ondata di contagi si fa sempre più marcato e il rischio di una nuova fase correttiva dal 5 al 10% durante le prossime settimane è certamente possibile.

Tecnicamente il superamento di 19.250 ha riportato il nostro indie in un’area di neutralità; solo infatti al superamento dei 20.000 punti si avrà un segnale rialzista con target i max di luglio appena sopra quota 21.000.

Alla luce di questa analisi, aspettiamo quindi la violazione dei 19.250 per parlare apertamente di ribasso, anche se già qualche operazione in tal senso si può anticipare in area 19.500/19.800; i primi due obiettivi di discesa sono situati a 18.600 e 18.000 punti di FtseMib.

Operativamente rimaniamo quindi sempre più prudenti, credendo che nelle prossime settimane si potranno avere  delle migliori opportunità d’acquisto; in un contesto come quello attuale il rapporto rischio/profitto lo si considera troppo elevato.