I mercati azionari si concedono una pausa, dopo un inizio scoppiettante che pare la versione ridotta dell’eccezionale avvio di quest’anno. Ma lungi dal raffreddarsi, la partecipazione al rialzo si allarga.

I mercati azionari si concedono una pausa, dopo un inizio scoppiettante che pare la versione ridotta dell’eccezionale avvio di quest’anno. Dal punto di vista stagionale le aspettative bullish si soffermano soprattutto sulla seconda metà del mese; tradizionalmente orientato al rialzo a Wall Street. Tanto più dopo lo strappo di lunedì: come segnala Bespoke Investment, dal Dopoguerra si contano 9 casi di saldo superiore all’1% sullo S&P dopo la prima seduta di aprile; con Wall Street che ha chiuso il mese in corso in tutte le occasioni. Ogni debolezza dovrebbe essere temporalmente contenuta.

Lungi dal raffreddarsi, la partecipazione al rialzo si allarga. Ieri sul NYSE è stato registrato un nuovo massimo... nel numero di nuovi massimi: trattasi delle società appunto sui livelli più elevati degli ultimi dodici mesi. Certo la statistica potrebbe essere condizionata dalla natura eterogenea del paniere preso a riferimento. Ma se ci soffermassimo sul più "puro" S&P500 il discorso non cambierebbe: quasi 1/5 delle società quotate in questo indice, ha chiuso lunedì oltre la Bollinger Band superiore; reiterando un segnale emerso appena due giorni prima. Nel Rapporto Giornaliero di oggi ci siamo soffermati sugli interessanti effetti a media scadenza per il mercato di questo setup quantitativo.

Significativa la posizione nel frattempo assunto dal meno seguito ma altrettanto rilevante Dow Jones. L’indice è stato fra i primi a superare l’ultimo diaframma, a 25830 punti, che ci separa(va) dal massimo di settembre. Il mercato però impone pazienza agli investitori: perché si sta cimentando da allora in una fase non direzionale di forma triangolare; di cui peraltro due giorni fa è stata superata la parete superiore. Magari quel gap up richiamerà nelle prossime sedute limitati realizzi; ma a questo punto lo scenario si capovolgerebbe soltanto in caso di contro-rottura verso il basso. Il grafico mostra il supporto da non abbattere per mantenere la visione rialzista.