L’aspetto spiacevole non sta tanto nella perdita di opportunità che deriva dall’astenersi da un esame della domanda e della offerta; quanto nella percezione, che ad un certo punto si farà largo, che i mercati azionari siano immunizzati al peggio.

Il contesto esogeno al mercato è sempre così prodigo di informazioni da adottare per giustificare la narrativa – oggi si dice "storytelling" – negativa; tanto popolare da aver indotto, negli Stati Uniti, un deflusso netto negli ultimi dodici mesi superiore ai 600 miliardi di dollari; a vantaggio dei fondi comuni obbligazionari rispetto a quelli azionari: un record storico.

L’aspetto spiacevole non sta tanto nella perdita di opportunità che deriva dall’astenersi da un esame rigorosamente oggettivo della domanda e della offerta; quanto nella percezione, che ad un certo punto si farà largo, che i mercati azionari siano immunizzati al peggio: e non appena le brutte notizie scivoleranno nelle pagine interne dei giornali, il malcapitato investitore non riuscirà a resistere alla tentazione di comprare. Quando magari l’analisi tecnica suggerirà diversamente.

Una settimana fa, nel soffermarci sulle prospettive del mese di gennaio, abbiamo analizzato il drawdown massimo attendibile dopo una annata a dir poco strepitosa. Ecco, questo è il corretto approccio da adottare: la prospettiva di una fase di consolidamento dei mercati azionari, poggia su un comportamento alquanto ricorrente, che consente di formulare previsioni circa il punto di arrivo tanto temporale quanto di prezzo da parte degli indici. Nel Rapporto Giornaliero di oggi ritorniamo più analiticamente sul primo aspetto, rilevando il timing atteso del bottom per Wall Street.