L'eccellente recupero realizzato da Chevron Corp ed Exxon Mobil, salite rispettivamente del 18 e del 16% circa nel giro di poco più di un mese, riporta interesse sul settore facendo emergere anche i titoli italiani.

Più precisamente il potenziale di uno di questi, ovvero Saipem è ancora in parte nascosto, in quanto appare sempre più evidente che i prezzi a cui da tempo il titolo è ancorato non rispecchiano i fondamentali.

La banda oscillativa è compresa da anni tra 5.70 e 3.05 euro.

Infatti a dispetto del notevole recupero (siamo adesso oltre il 33%) già realizzato dai minimi di dicembre, il titolo si appresta a superare prima 4.20 e successivamente il forte sbarramento posto a 4.40 euro.

Mentre dal punto di vista dei fondamentali Citigroup da qualche settimana ha migliorato il giudizio sul titolo, portando la raccomandazione d'acquisto a buy e un target oltre i 5 euro.

La valutazione sottolinea le importanti commesse aggiudicate dalla società e i prezzi a sconto di almeno il 15% rispetto ai competitor europei.

Dal punto di vista squisitamente tecnico i corsi viaggiano con lentezza verso i target indicati, ma non per questo meno probabili.