In un contesto politico ed economico nel nostro paese così difficile, il mercato deve ora fare anche i conti con la crisi cipriota, che di fatto mina per l’ennesima volta la credibilità dell’eurozona.
Il nostro indice FtseMib, dopo la discesa di febbraio, sta cercando di limitare i danni con un consolidamento attorno i 16.000 punti, tuttavia il trend di breve permane ribassista con target posti a 15.400 e 15.000.

Privilegiare quindi ancora un’impostazione ribassista di trading sui rimbalzi in area 16.000/16.400, mentre sulle discese in prossimità dei supporti si possono accumulare gradualmente posizioni lunghe da breve-medio periodo, privilegiando titoli dai buoni dividendi.

La sensazione è che in questo momento i titoli siano a dei livelli anche accettabili, ma ci si rende anche conto che uscire da questo “impasse” non sarà purtroppo questione di giorni.

Affidandoci comunque al nostro indice di riferimento, indichiamo nel superamento di quota 16.500 la ripresa del trend rialzista di breve periodo.