Scampato il pericolo di un contagio anche finanziario del Coronavirus, il nostro FtseMib, con un doppio minimo, ha perfettamente tenuto il supporto di breve a 23.200, portandosi questo fine settimana già a ridosso della resistenza a 24.600, a completamento del testa e spalle rialzista di medio in atto dallo scorso ottobre.

Come già scritto più volte, il trend rialzista non si crede però terminato, i margini sono ancora ampi e quindi il target posto a 25.500 risulta assolutamente alla portata, anche già per il mese di marzo.

Correzioni sono sempre possibili e anche salutari se si mantengono entro i 1.000 punti di indice, scontando un sicuro impatto economico di breve che il virus cinese produrrà su scala mondiale; si conferma quindi che solo la violazione dei 23.200 punti fornirebbe un chiaro segnale di inversione di breve-medio periodo.

Operativamente si consiglia sempre, al raggiungimento delle resistenze, di liquidare almeno quei titoli che presentano discreti guadagni; si può ora rimanere investiti al 60/70%, in modo da avere sufficiente liquidità per incrementare le posizioni in caso di un ritorno nel range 23.700/23.200 di FtseMib.