Lo S&P 500  ha chiuso la seduta a 3.340 punti, registrando un +0,05%. Il bilancio settimanale è pari a un -2,51%.

Il VIX è un indice che riporta i movimenti di copertura (tramite derivati) dello S&P 500.

Pertanto, esso è considerato come una misura attendibile della paura (quindi dell’avversione al rischio) degli investitori.

Il calo del VIX, in una settimana negativa per la borsa americana, ci indica un mercato che è ancora sotto controllo.

Di seguito due grafici di lungo termine:

Il secondo grafico a prima vista può sembrare la fedele riproduzione del primo.

In realtà il primo è il grafico dello S&P 500 mentre il secondo rappresenta il rapporto tra lo S&P 500 e il Tresury a 10 anni.

L’evidente analogia testimonia una forte correlazione.

Si osservi come le inversioni di forza relativa a favore del tresury hanno coinciso con quelle della borsa americana.

La potenziale inversione ribassista dello S&P 500 (suggerita dal megafono, ancora in fase di completamento) trova conferma col potenziale triplo massimo del rapporto col tresury (entrambe confermate dalla tendenza ribassista dell’RSI).