Le quotazioni del Caffè sono ormai da tempo inserite in un canale ribassista che non pare trovare un floor in grado di arginare la discesa.

Il crollo dei prezzi del Caffè si ripercuote sulle economie dei principali produttori, Brasile e Colombia in testa a tutti, che risentono pesantemente di quanto sta accadendo.

Il governo del Brasile ha dichiarato di essere pronto ad intervenire tramite una revisione dei prezzi minimi garantiti ai coltivatori che, al pari di quelli della Colombia, lamentano una condizione di lavoro a dir poco pessima che li vede operare praticamente in perdita privi della capacità non solo di generare profitto, ma anche di compensare i costi di produzione.

In Colombia la situazione si presenta a dir poco tragica, con le associazioni di settore che definiscono quanto sta accadendo non più come una “banale” crisi economica, ma come una vera e propria crisi umanitaria che ha già condotto 25000 piccole aziende a conduzione familiare a ritirarsi dalla produzione di Caffè per dedicarsi alla coltivazione di prodotti in grado di offrire un maggior ritorno economico.

Sei curioso di saperne di più? Ti basta un CLICK….