Il commodity channel index potente indicatore che misura l'intensità del trend è chiaro in tal senso, avendo evidenziato in precedenza la scarsa propensione dei prezzi a difendere i supporti a cavallo fra 11 e 10.75€ e ora, assumendo valori negativi, certifica la fase ribassista.

La prospettiva nell'immediato dunque si fa negativa e soltato la ripresa degli acquisti a ridosso di 9.90€ potrebbe evitare il peggio rilanciando le quotazioni verso la resistenza cruciale di 10.48€.

Strategie operative su UniCredit

Per le posizioni long: per investimenti di breve termine attendere prudenzialmente la fine della fase di stabilizzazione del supporto intorno quota 10.10€, da cui sarà possibile comprendere le reali prospettive di recupero oltre gli 11.50€.

Per investimento di più ampio orizzonte temporale o per chi ha il titolo in portafoglio a prezzo più alti di quello attuale è possibile sfruttare le maggiori probabilità di discesa, accumulando leggermente nuove posizioni allo scopo di valorizzare poi successivamente oltre €12 gli acquisti complessivi.

Per le posizioni short: per ordini al ribasso e per gli amanti dello short selling collocare a ridosso di 10.48 prima 10.75€ a seguire più ordini, con stop a 11.60€ e target molto ambizioso a 9.30€.