UNICREDIT (UCG): siamo ancora Short da mercoledì 7 aprile al break di quota 8,9600. Le quotazioni nella mattinata di oggi, mercoledì 14 aprile, si muovono in area 8,50 €, cioè sui minimi della seduta di ieri. Ques'area, come già spiegato venerdì scorso, è zona di target di brevissimo. Fino a ieri abbiamo concesso un po' di spazio di oscillazione per eventuali rimbalzi correttivi, ma questa mattina abbiamo aggiornato lo stop a difesa di un po' di guadagno. Stop ora molto stretto aggiornato in Area Trading.

UNICREDIT analisi tecnica Trader Professionista

BANCO BPM (BAMI): abbiamo venduto allo scoperto anche BCO BPM, in due tranches il 6 e il 7 aprile (livello medio 2,4145 €). Le quotazioni sono scese ma solo leggermente, tenendo per ora sopra area 2,3000. Chiuderemo lo short in caso di break sopra il nuovo stop (anche qui aggiornato questa mattina) che è poco sotto area 2,40 €.

TENARIS (TEN): qui eravamo short da venerdì scorso, 9 aprile. Lo stop che avevamo fissato ieri era strettissimo in pari. Oggi apriva a 9,1020 € e ora sta rimbalzando sopra area 9,30 €. Abbiamo quindi chiuso lo short pochi ticks meglio che in pari. Attendiamo nuovo segnale per rientrare (vedremo in base al nuovo conteggio ciclico di brevissimo se rientrare short o, al contrario, effettuare un buy).

STMICROLECTRONICS (STM): fase di congestione di brevissimo da circa una settimana. Abbiamo inserito oggi un ordine di acquisto in caso di attacco ad area 33,24-33,30 € (livello preciso di buy in tabella strategie Area Trading). Se scatterà il segnale, fisseremo inizialmente stop loss attorno al -2,5 %, per alzarlo successivamente in caso di conferma di attacco ad area 33,70 €.

MEDIOBANCA (MB): interessante configurazione triangolare con compressione di volatilità di breve dai massimi di marzo 2021. Siamo pronti a comprare in caso dia segni di forza con attacco ad area 9,40-9,50 €.

TELECOM ITALIA (TIT): abbiamo effettuato nel mese di Marzo due veloci operazioni Long molto buone (circa un +17% complessivo). Le quotazioni da un paio di sedute si muovono sotto area 0,44 €. Stiamo attendendo si completi, secondo il nostro metodo di trading, il nuovo conteggio ciclico di brevissimo. In modo da avere un nuovo segnale (possibili novità entro venerdì 16 aprile).

LEONARDO (LDO): anche questo è in compressione di volatilità, e fase di congestione a contatto di area 7 €. Ieri avevamo attivo un segnale short che però non scattava. Al momento rimaniamo in attesa. Anche qui possibili nuovi segnali entro fine settimana.

SAIPEM (SPM): la mattina di giovedì 8 Aprile aveva effettuato un break rialzista piuttosto violento, con test di area 2,43 €. Ma già nella stessa seduta, durante il pomeriggio, correggeva con spiccata volatilità. Nelle ultime sedute il titolo del settore petrolifero è tornato sotto area 2,30 €. Anche qui vediamo una forte compressione di volatilità da un paio di sedute, e anche qui stiamo seguendo il titolo per un possibile nuovo segnale entro fine di questa settimana. Prima di valutare un eventuale acquisto, dobbiamo attendere un segno di forza con attacco ad area 2,33-2,35 sostenuto dai volumi.

INTESA SANPAOLO (ISP): in ottica di acquisto diventerebbe interessante in caso di attacco ad area 2,30-2,33. Ma al momento è solo un'area del tutto indicativa, in quanto il nostro Trading System non segnala ancora conteggio ciclico completo. Attendiamo anche qui i movimenti che avverranno tra oggi e venerdì 16 aprile prima di valutare un'eventuale trade.

BANCA GENERALI (BGN): oggi sta riprovando un attacco in direzione degli ultimi massimi sopra area 30,75 €. Come spiegato settimana scorsa, avevamo provato un buy sul primo tentativo di break, ma ci aveva mandato in leggero stop loss molto prudente (- 0,9%). Stiamo seguendo il titolo e valuteremo un eventuale rientro in acquisto tra il pomeriggio di oggi e quello di domani, 15 aprile.