Il Ftse Mib disegna una Long black che archivia la peggior seduta delle ultime 68, riportandosi su livelli che non vedeva dall’8 Marzo. La settimana si chiude con un ribasso del 6.7% portando il bilancio annuale a -17.55%.

Il venerdì nero per i mercati finanziari è figlio della decisione di giovedì della Bce di incrementare i tassi a luglio e settembre (senza varare piani anti-spread) e del dato sull dell'inflazione Usa, salita ai massimi dal 1981. Le forti vendite sul comparto bancario hanno travolto un Borsa “bancocentrica” come Milano che non a caso è maglia nera. Immediata la reazione sull’obbligazionario con il BTP a 3,73% di rendimento, sui massimi da ottobre 2018 e lo Spread intorno a quota 225 punti base, massimo da maggio 2020.

Operativamente la nostra strategia prudente (con un portafoglio al 100% liquido) ci ha consentito di schivare il ribasso di venerdì. Evitare di intaccare il portafoglio dai Sell off è spesso meglio di effettuare trade sprofittevoli sia a livello emotivo che finanziario. Per questo non facciamoci ingolosire da prezzi a sconto rispetto a qualche giorno fa ributtandosi a capofitto nel mercato, ma attendiamo pazientemente dei segnali interessanti in termini di rischio/rendimento per riempire il portafoglio.

Tra i titoli interessanti per la prossima seduta, segnaliamo:

  • BPER
  • BPM
  • SAIPEM
  • GENERALI
  • PHARMANUTRA
  • TINEXTA