Il FtseMib disegna una doji candle che testa i massimi toccati il 13 agosto a 26.687 punti. L’indice archivia la quinta settimana positiva delle ultime 6, avvicinandosi al 20% di rialzo da inizio anno (+19.52%) condizionato da una serie di eventi analizzati in questo articolo.

La prossima sarà una settimana particolarmente interessante a Piazza Affari: il focus degli operatori sarà in primis sul settore bancario dopo che (secondo fonti di stampa) il negoziato tra Unicredit e Mef va verso lo stop poichè non ci sarebbe intesa sulla ricapitalizzazione di MPS in quanto il governo ritiene eccessive la richiesta di UniCredit di una ricapitalizzazione di oltre 7 miliardi di euro.

Inoltre c’è attesa per la pubblicazione dei risultati delle principali Blue Chips di Piazza Affari. In particolare Martedì avremo le Informazioni periodiche aggiuntive di Campari e  Italgas. Mercoledì appuntamento con Amplifon, Mediobanca, Saipem, Telecom Italia e Unicredit. Giovedì: Eni, Mediobanca (Assemblea ORD, STR) Moncler, Recordati, Stellantis e Stmicroelectronics.

Tra i titoli interessanti per la prossima seduta, segnaliamo.

Torna al centro dell’interesse del mercato A2A (+4.8% nelle ultime 5 sedute) disegnando una Long white che riporta i prezzi a contatto con la resistenza chiave in area 1.95€. Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un solido segnale di continuazione rialzista.

Prosegue il rally CNH che testa la resistenza psicologica dei 15€. Possibile intervenire a seguito del breakout di questo livello.

MEDIOLANUM mostra timidi segnali di reazione, dopo lo stacco cedola di lunedì. L’interruzione della serie di 5 massimi decrescenti consecutivi (con il superamento di 8.91€) potrebbe innescare un repentino rimbalzo.

AZIMUT testa per la terza seduta consecutiva la resistenza in area 24.9€. Il superamento di questo livello, potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

LEONARDO archivia la terza settimana negativa consecutiva, riportandosi a contatto con il supporto in area 6.5€. Possibile assistere a un tentativo di rimbalzo su questi livelli.

Si impennano le scommesse ribassiste su FALCK RENEWABLES dopo che  Infrastructure Investments Fund lancerà una Opa al prezzo di 8,81 ero per azione. Come è evidente dal grafico elaborato con Big Short Hunter il 2.76% del capitale è venduto allo scoperto da 4 investitori Sculptor Capital Management Europe Limited (0.84%) BNP PARIBAS SA (0.73%) HBK  (-0.62%) CQS (UK) LLP (0.57%).