È proseguito anche questa settimana il consolidamento sotto i max per il nostro Ftse Mib; tale movimento pare prendere sempre più le sembianze di una c.d. distribuzione, con l’indice orientato a correggere sui supporti a 26.800 e in area 26.000/25.800 per il mese di febbraio.

Un segnale di ribasso a livello internazionale arriverà molto probabilmente con una discesa del greggio; a tal proposito si ritiene che sotto 85$ di Brent possa arrivare un’inversione anche di una certa entità per l’oro nero.

La quarta ondata pandemica sta facendo ritardare un cambio di rotta sulla politica monetaria e la sensazione è che, con questo salita dell’inflazione, gli interventi potrebbero rivelarsi tardivi, sia per la Fed che soprattutto per la Bce; nulla di tragico, tuttavia dobbiamo anche considerare che i mercati in questi 22 mesi di rialzo hanno scontato tutto la positività possibile.

Operativamente rimaniamo quindi ancorati alla posizione ribassista sull’indice, confidando in una discesa nelle prossime settimane sui supporti sopra citati; acquisti sui singoli titoli solo ed esclusivamente su correzione, privilegiando titoli ad alto rendimento.