Superato il fattore inflazione USA, politica monetaria EU, si passa ora a consolidamento mercati, verso la riunione della FED-USA. abbiamo avuto INTERVENTI verbali a fermare il rialzo di YIELDS, a dare maggiore fiducia, ASPETTATIVE di una RIPRESA dell’economia, e a calmare i timori di INFLAZIONE, come fattore temporaneo. Stessa linea di azione da UK-EU-USA, mentre in ASIA, AUD, CAD, URSS si passa ad un TAPERING, di stretta creditizia, potenziale rialzo TASSI, graduale. I DATI economici restano molto DISTORTI, da lockdown in corso e in riaperture, da attività legata al fattore virus, ad impattare su tutti i settori, marcatamente, oltre che dagli interventi Governi, Banche Centrali, con aiuti diretti, misure contenimento, e sulla produzione, stoccaggi, consegne, trasporti. Resta chiaro come gli STIMOLI e le misure messe in atto, sono ancora marcatamente necessarie per ulteriori trimestri, anche a fronte di una RIPRESA post-covid, con ancora tutti i timori per le varianti, ulteriore fase possibile. Quindi si rimane ancora per qualche tempo entro CRESCITA vs DECRESCITA, e di  TAPERING vs INFLAZIONE. Con un DOLLARO, EURO, STERLINA al palo, senza una vera direzionalità e forza, e con i TASSI mantenuti bassi oltremodo e per lungo tempo, sono fattori fortemente a favore di EMERGENTI, di ricerca RENDIMENTO, senza timori per GEOPOLITICA, POLITICA. Unico fattore a RISCHIO, il posizionamento unilaterale dei mercati, tutti sulla stessa barca, dalla stessa parte, con le stesse motivazioni.

Una ricerca di rendimento che porta ad un uso smodato, comunque maggiore, dei DERIVATI, e di un TRADING di brevissimo, a sortire su SMALL CAP, MEME, COMMODITY, con VOLATILITA’ anche ampia, a momenti anche violenta. E su aspettative di ripresa post-covid, in focus i SETTORI come ristorazione, aerei, auto, lesure e outdoor, turismo, e per gli effetti su on-line media e gaming, e-commerce, salute, pharma, sociale, infrastrutture, tra VALUE vs GROWTH, con grandi risvolti da fattore TINA – there-is-no-alternative. In questi giorni la diplomazia, o meglio, public relations, ricerca di consensi, in accelerazione, con G7 e IMF, Banca Mondiale, incontri al vertice in corso, e per il prox G20, su TASSA MINIMA GLOBALE, nuove alleanze e accordi (vedi UK-USA patto atlantico, Merkel-GER e USA prox settimana, BIDEN e PUTIN a Ginevra). OGGI rialzi modesti degli INDICI, che segnano nuovi record max, bene minerari, salute, cedono banche. YIELDS in pressione, da chiusure short bonds ancora in atto, post interventi ECB, FED. COMMODITY in recupero, vedi CORN +44pc anno, e produzione minimo 8anni. METALLI recupero. PETROLIO attende Iran-Nucleare, timori per domanda futura, aumento stoccaggi usa. sulle VALUTE ripresa del DOLLARO, cede EURO, restano sostenuti oltre dovuto CHF, YEN, stabili NORDICHE. Forza TURK, URSS, YUAN, EST-EU, LATAM, mentre resta debole ARG. Rialzo GBP, ANGLO. CRIPTO nervose, con ampi aggiustamenti posizioni speculative, commenti e pressioni autorità vigilanza e fiscali, nuovi Governi favorevoli adozione (vedi India dopo ElSalvador). Dai CHARTS indicatori negativi per ORO, ARG, PETROLIO, EURO intatti, spazio per ulteriore, e rialzo DOLLARO.