Tra false discese e false ripartenze, prosegue la fase di congestione in area 26.000 di FtseMib; il primo supporto a 25.400 tiene molto bene, tuttavia appena si valica la soglia dei 26.000, l’indice perde forza in maniera evidente.

Tecnicamente si credono quindi probabili nuove discese a breve, e una chiusura sotto 25.400 potrebbe favorire un’accelerazione ribassista con obiettivi a 25.000 e.24.000 per il mese di novembre.

Segnali di chiara ripresa rialzista solo al superamento dei 26.500 di FtseMib, anche se si reputa ancora poco probabile un rally sopra i 27.000 punti di indice.

Lo spread rimane “sotto controllo” appena sopra i 100 punti base, tuttavia, si crede che l’impatto dell’inflazione, dovuto al forte rialzo delle materie prime, non sia stato ancora prezzato dal mercato e che quindi le previsioni economiche formulate per il 2022 siano troppo ottimistiche.

Operativamente si e’ chiusa con successo una parte del ribasso sull’indice al raggiungimento del primo target a 25.400; si puo’ rientrare in area 26.000, con possibile ulteriore incremento in caso di avvicinamento della successiva resistenza sui 26.500 di FtseMib.

Per l’acquisto invece di titoli, rimaniamo in attesa di una discesa piu” profonda…i supporti a 25.000 e 24.000 saranno i nostri riferimenti per le prossime settimane.