I principali mercati azionari del Vecchio Continenre proseguono la settimana poco mossi (mentre salgono le attese per l'avvio delle trimestrali USA), divise fra le speranze di ripresa, le spinte inflazionistiche negli Stati Uniti (+2.6% a/a che rappresenta il massimo dall'estare 2018) e lo stop and go ad alcuni vaccini.

In particolare il vaccino Johnson&Johonson è stato sospeso dalle autorità sanitarie americane per rari casi di trombosi spingendo l'azienda farmaceutica a ritardare il lancio del suo vaccino anti Covid anche nel Vecchio Continente.

Sul mercato delle valute prosegue il recupero della moneta unica europea che nei confronti del Dollaro si porta oltre area 1.193 aprendo le porte per un test sui massimi delle ultime settimane situate sulla soglia degli 1.20

Tra le criptovalute il BITCOIN ha aggiornato il suo record oltre i 63 mila $ in attesa della quotazione al Nasdaq di Coinbase Global, gruppo che controlla l’omonima piattaforma di scambio di criptovalute.

L'analisi del FTSE Mib 

Nonostante il deludente dato arrivato dallo ZEW tedesco, è stata una giornata all'insegna degli acquisti per il nostro indice principale che chiude le contrattazioni in area 24600 punti; nel breve non cambia ancora una volta la view sul FTSE Mib che fin quando si confermerà sopra i 24400 punti manterrà intatte le chance di una prosecuzione del trend in direzione dei massimi decennali situati sulla soglia dei 25mila punti.

Tra i titoli che si mettono in mostra segnalo AMPLIFON, che con forti volumi chiude in rialzo di quasi il 7% con le quotazioni che portandosi oltre i 35 euro provano a rimettere nel mirino i massimi di sempre in area 37.50 euro, e UNIEURO (segnalata ad inizio mattinata) che con la tenuta dei 20 euro rimette in moto il suo trend rialzista in direzione dei massimi di periodo.

Buon trading

Vuoi abbonarti ai nostri PORTAFOGLI che nel 2020 hanno generanto una performance del 170% e nel 2021 di oltre il 40%? clicca qui