Dopo la debolezza di ieri la prima parte della seduta odierna è all'insegna degli acquisti sui principali mercati azionari del Vecchio Continente nonostante sullo sfondo aleggia la crisi di EVERGRANDE, l’immobiliare di Shenzhen gravata da più di 300 miliardi di debiti in dollari, che ormai sta assumendo dimensioni sistemiche con possibili ricadute negative su tutto il settore immobiliare e finanziario che stanno penalizzando banche e le società delle costruzioni cinesi, il cui settore  pesa per il 40% circa sul Pil del Paese

Sul mercato delle Materie Prime l’indice Bloomberg Commodity ha toccato ieri sera i massimi dal 2015; in questo contesto è ripartito il rally dell’alluminio, arrivato di nuovo in prossimità dei massimi degli ultimi sei anni. In rialzo di quasi il 2% il rame mentre Ii future di riferimento del gas è su prezzi che non si vedevano da oramai 8 anni.

Tra le valute torna ad indebolirsi l'Euro che nei confronti del Dollaro scende sotto la soglia degli 1.18 e si avvia al test dei prossimi supporti situati nei pressi degli 1.175

L'analisi del FTSE Mib

Anche per il nostro indice principale è una prima parte di giornata con prezzi che cercano di riportarsi oltre l'importante livello dei 25900-26mila punti; oltre questi livelli è possibile per il FTSE Mib una prosecuzione del recupero in direzione delle prossime resistenze situate in area 26200 e a seguire 26400 punti.

Tra i titoli proseguono le vendite sia su ENEL, oramai diretta sui minimi di Novembre 2021 posti in area 6.75 euro,  che su TELECOM il cui prossimo target ribassista è posizionato sulla soglia degli 0.35 euro

Buon trading

Per abbonarti ai segnali di trading su Blue Chip, Mid Cap ed Etf, che nel 2020 hanno generato un guadagno del 170% e nel 2021 è superiore al 290%, invia subito un Sms/Whatsapp al +39 375 567 0835 digitando "Info Origlia" oppure chiama lo 02 400 42 139.

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività, richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: http://bit.ly/2YvjIdj