L’onda lunga del terremoto turco, dopo il licenziamento del governatore della Banca centrale da parte di Erdogan, e i rumors di una prosecuzione del lockdown in Germania, non impattano al momento sui principali mercati azionari del Vecchio Continente che inaugurano la nuova ottava in leggero rialzo;

in questo contesto il focus degli investitori rimane sempre rivolto al Covid19 (contagi ma soprattutto vaccini) e alla volatilità presente sul mercato obbligazionario dove rimangono sempre presenti i timori di una risalita dell'inflazione statuinitense.

Sul mercato delle valute l'Euro cerca di recuperare alcune posizioni nei confronti del Dollaro con i prezzi che si portano oltre la soglia degli 1.1930 senza per questo cambiare il trend ribassista che cambierebbe solo con il ritorno oltre l'area degli 1.20

Tra le Materie Prime si arresta la caduta del Petrolio che con la tenuta dei 59$ al barile si riporta in direzione dei 61.50$ a contatto con la trendline rialzista che parte dai minimi di fine Ottobre/inizio Novembre 2020.

L'analisi del FTSE Mib

Anche per il nostro indice principale è stato un inizio di ottava in leggero rialzo con le quotazioni che si fermano in area 24250 punti;

rispetto agli ultimi aggiornamenti non cambia la view sul FTSE Mib che con conferme oltre la soglia dei 24 mila punti manterrà inalterate le chance di una prosecuzione del recupero in direzione dei 24400-24450 punti e a seguire 24600-24650 punti.

Tra i titoli tornano gli acquisti su STM che supera le prime resistenze poste sui 31 euro e apre le porte per allunghi verso la soglia dei 33 euro;

a seguire troviamo FERRARI che con il break dei 167 euro invia un segnale di forza e tra le MidCap Unieuro (presente nel nostro Portafoglio) che va a segnare nuovi massimi oltre la soglia dei 19 euro.

Buon trading

Vuoi abbonarti ai nostri SEGNALI DI TRADING che nel 2020 hanno generato un guadagno del 170%? clicca qui