Sui principali mercati azionari del Vecchio Continente non si arresta il clima di debolezza, dove prevale un senso di avversione al rischio, in scia sia alla stretta arrivata dal Governo cinese sui redditi più alti che sulle prossime mosse della Federal Reserve che entro il 2021 dovrebbe dar avvio al Tapering.

In questo contesto è un finale di settimana negativo per i listini asiatici che pagano anche le vendite sul settore "automotive" in scia alla carenze di chip che stanno portando molti case automobilistiche a fermare la produzione.

Tra le Materie Prime proseguono le vendite sul Petrolio (7^ seduta consecutiva al ribasso) con il WTI oramai vicino ai prossimi supporti situati nei pressi dei 62$ sotto i quali avremmo un test sulla soglia dei 60 dollari al barile.

Sul mercato valutario si conferma debole l'Euro che nei confronti del "biglietto verde" passa di mano sotto la soglia degli 1.17 con prossimi target i minimi dell'inverno 2020 posti nei pressi degli 1.16

L'analisi del FTSE Mib

Prosegue anche per il nostro indice principale la fase correttiva di breve con le quotazioni che scendono sotto i 25900 punti; dal punto di vista grafico una conferma sotto questi livelli potrebbe far proseguire le vendite in direzione dei prossimi supporti situati nei pressi dei 25600 punti, senza per questo cambiare la view rialzista di fondo.

Tra i titoli proseguono le vendite sul settore Luxury che stanno portando il titolo Moncler , che sta andando a chiudere la peggiore settimana degli ultimi 3 anni, sugli importanti sostegni situati nei pressi dei 53 euro dove è possibile un rimbalzo dei prezzi 

Buon trading

Per abbonarti ai segnali di trading su Blue Chip, Mid Cap ed Etf, che nel 2020 hanno generato un guadagno del 170% e nel 2021 è superiore al 290%, invia subito un Sms/Whatsapp al +39 375 567 0835 digitando "Info Origlia" oppure chiama lo 02 400 42 139.

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività, richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: http://bit.ly/2YvjIdj