L’indice FtseMib, pur con qualche “scivolata” intraday, riesce sempre a salvarsi sopra il supporto dei 25.200 punti, grazie soprattutto agli indici americani che ancora non si staccano dai massimi.

Lo spread, rimanendo stabile poco sopra i 100 punti base, è messo abbastanza bene, anche se si crede difficile segnare a breve nuovi minimi di periodo verso quota 80.

Il trend rialzista di breve-medio verrà a questo punto interrotto solo con una chiusura sotto 25.200/25.000, con target di breve a 24.450 e di medio a 23.000 e 21.700 dell’indice, ma per quest’ultimo valore e’ credibile solo in caso di decisa discesa americana.

Da non escludere una nuova gamba rialzista, ma che si dovrebbe fermare al massimo poco sopra i 26.000 punti di FtseMib.

Per chi ha seguito il consiglio di chiudere integralmente nel mese di giugno tutte le posizioni rialziste, può stare adesso alla finestra in attesa di una sempre più probabile correzione in questi mesi estivi, rientrando in forma graduale possibilmente sui supporti sopra indicati; mantenere invece le posizioni ribassiste sull’indice, con possibilità di incrementarle ulteriormente in caso di salita in area 26.000 di FtseMib