Dopo i forti guadagni delle ultime sedute, le azioni Unicredit sembrerebbero destinate a ritracciare. Vediamo come impostare una strategia operativa con i Turbo Certificates di BNP Paribas.

Dopo esser passate in poche sedute da 8 a 9,35 euro, oltre 16 punti percentuali di aumento, le azioni Unicredit sembrerebbero necessitare di una pausa ristoratrice.

Dopo il picco registrato a 9,6850 nella seconda metà di marzo, le azioni della banca milanese hanno ritracciato andando a bucare prima la trendline ottenuta dai minimi del 26 gennaio e del 1° febbraio e poi il supporto rappresentato dalla media mobile a 100 giorni.

La fase correttiva si è arrestata in corrispondenza della MM200, che ha permesso alle quotazioni delle azioni UCG di tornare in quota 9,35 euro.

A questo punto però, l'avvicinarsi dei corsi alla resistenza statica dei 9,55 euro, che da inizio 2019 si è dimostrato un livello particolarmente valido, potrebbe far scattare fisiologiche prese di beneficio.

Azioni Unicredit: possibili strategie operative

Operativamente, si potrebbe valutare una strategia di natura ribassista da 9,4 euro con stop loss identificabile a 9,7 euro e obiettivo principale a 9,1 euro. Il target finale sarebbe invece localizzato a 8,9 euro.

Per questa strategia, si adatta il certificato Turbo Long di BNP Paribas con ISIN NLBNPIT11RF3 e leva 5,5.