Il mese di Marzo si apre all'insegna degli acquisti sui principali mercati azionari che traggono spunto sia dall'approvazione da parte della Camera USA del pacchetto di stimoli fiscali da 1900 miliardi di dollari ma anche dall'approvazione da parte della FDA del terzo vaccino statunitense a dose unica di J&J, senza dimenticare i buoni dati provenienti dalla manifattura europea.

Tutto ciò riporta tranquillità sull'equity mettendo in un angolo i timori della scorsa settimana e relativi alla possibile risalita dell'inflazione a stelle e strisce che aveva spinto i rendimenti dei Treasury sui massimi degli ultimi 12 mesi.

Sul mercato delle valute prosegue la correzione della moneta unica europea che nei confronti del Dollaro scende sotto l'area degli 1.205 e mette nel mirino i forti supporti situati sulla soglia degi 1.20.

Sul mercato della Materie Prime non si arresta il sell-off del Gold che, dopo aver rotto la scorsa settimana i forti supporti in area 1770$ l'oncia, sembra oramai avviato al test dei 1700 $.

Per quanto riguarda il nostro indice principale la seduta si chiude vicino ai massimi di seduta in area 23250 punti;

nel breve la conferma dei prezzi sopra la soglia dei 23mila punti migliorerebbe il quadro grafico del FTSE Mib che con il break dei massimi odierni riprenderebbe il suo trend rialzista in direzione dei 23400 e a seguire sui massimi di Febbraio nei pressi dei 23650 punti.

Tra i titoli degni di menzione LEONARDO, che col superamento dei 7 euro avrebbe un nuovo target rialzista sui 7.30 euro, ed UNIEURO che si porta sui massimi di sempre in area 16.66 euro

Buon trading

Vuoi abbonarti ai nostri Portafogli azionari? clicca qui