A Piazza Affari la seduta odierna si è conclusa in modo differente per A2A e Italgas, con il primo sulla parità e il secondo in calo.

A2A, dopo aver ceduto oltre l'1% ieri, oggi ha terminato gli scambi sui valori del close della vigilia a 1,668 euro, con circa 6,8 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 8,7 milioni di pezzi.

Diversa la conclusione di Italgas che dopo il calo di quasi il 2% accusato ieri, ha continuato a perdere terreno oggi, fermandosi a 5,78 euro, con una flessione dello 0,99% e quasi 2 milioni di azioni trattate, al di sotto della media mensile pari a circa 2,19 milioni di pezzi.

A2A e Italgas sono finiti sotto i riflettori del mercato all'indomani dell'accordo siglato per lo scambio di alcuni assets nella distribuzione gas e nel teleriscaldamento.

Italgas si impegna a cedere ad A2A le attività di teleriscaldamento nel comune di Cologno Monzese, mentre A2A si impegna a cedere ad Italgas le attività di Distribuzione Gas in 7 comuni dell’Atem di Alessandria 4.

Secondo gli analisti di Equita SIM l’operazione è in linea con gli obiettivi di piano di entrambe le società.
Confermata la view positiva su A2A, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 1,83 euro, mentre è più cauta la strategia suggerita per Italgas, con un rating "hold" e un target price a 6 euro.

Anche gli analisti di Fidentiis evidenziano che l'accordo annunciato ieri è coerente con i piani strategici delle due società.

Gli esperti mantengono una view bullish su A2A, con un rating "buy" e un range di valutazione pari a 1,8-1,9 euro.