A2A non riesce a recuperare dopo la flessione delle ultime 2/3 settimane e si espone al rischio di rottura ribassista. Discese in pianta stabile sotto il supporto (ex resistenza strategica) a 1,70 euro circa preannuncerebbero un affondo verso 1,65 almeno (appoggio successivo a 1,59/1,60). Segnali di forza oltre 1,76/1,77, prologo a un attacco ai recenti massimi pluriennali in area 1,82 (obiettivo a 2,00/2,10).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)