Si è riunito il Consiglio di Amministrazione di Alba Leasing, sotto la presidenza del Dottor Luigi Roth, primario operatore indipendente nel settore del leasing, che ha esaminato i risultati commerciali relativi all'esercizio 2018.

La Società, che nel 2019 entra nel suo decimo esercizio di attività, ha chiuso il 2018 superando un nuovo valore record dello stipulato, pari a 1.524 milioni di euro, in crescita del 5,0% rispetto ai 1.452 milioni del 2017, grazie a quasi 13 mila contratti siglati nel corso dei dodici mesi.

Dalla nascita, Alba Leasing ha quasi raddoppiato i volumi incrementando i contratti stipulati del 33%, a testimonianza di un processo di crescita costante nel corso degli anni che ha permesso alla Società di finanziare un totale di 101 mila nuove operazioni di leasing a 50.000 imprese per un valore complessivo di quasi 10 miliardi di euro.

Un contributo fondamentale al raggiungimento del risultato del 2018 è arrivato dal comparto leasing strumentale, che ha pesato per oltre il 63% sullo stipulato (966 milioni di euro), e da quello *immobiliare *con il 29% (435 milioni di euro).

Molto positiva la dinamica delle operazioni di leasing a valere sulla Nuova Sabatini 4.0 che, nel corso del 2018, hanno dato seguito a richieste per 369 milioni di €. Si stima così che il 34% sul totale del leasing strumentale ricada sugli investimenti effettuati dalle imprese innovative aderenti al Piano Impresa 4.0. A fine 2018 Alba Leasing conferma la propria leadership anche nel settore delle energie rinnovabili con una quota di mercato del 14,2%.
L'elevata specializzazione nel settore della sostenibilità ambientale, unita ad uno specifico programma di sostegno finanziario alle imprese che investono nell'efficientamento energetico e nella green mobility, ha permesso alla Società di concludere importanti operazioni innovative: in particolare sono stati finanziati il primo impianto a biometano in Italia, per un valore di 20 milioni di euro, e il parco eolico in provincia di Matera, all'avanguardia per tecnologia, dimensioni e potenza generata, da 25 milioni di euro.