Alcoa, nessun accordo con i sindacati sull'impianto spagnolo di San Ciprià n

ll colosso dell'alluminio di Pittsburgh Alcoa ha annunciato che l'ultimo periodo di consultazione per i licenziamenti collettivi dell'impianto spagnolo di alluminio di San Ciprià n in Spagna è terminato il 4 agosto 2020 senza un accordo con i rappresentanti dei lavoratori.

ll colosso dell'alluminio di Pittsburgh Alcoa ha annunciato che l'ultimo periodo di consultazione per i licenziamenti collettivi dell'impianto spagnolo di alluminio di San Ciprià n in Spagna è terminato il 4 agosto 2020 senza un accordo con i rappresentanti dei lavoratori. In base alle norme spagnole Alcoa ha fino a 15 giorni dalla fine del periodo di consultazione per annunciare una decisione sulla fonderia da 228 mila tonnellate di capacità.

Alcoa e i sindacati di San Ciprià n si sono incontrati durante il periodo di consultazione, partito il 25 giugno 2020, per discutere una proposta di ristrutturazione che fermi le persistenti e ricorrenti perdite della fonderia e trovi una soluzione per la compagnia e per i lavoratori.

La società ha avanzato - riporta Alcoa nella nota odierna - diverse proposte ai sindacati, compresa una dismissione temporanea dell'impianto tramite il programma sociale spagnolo ERTE per due anni con una potenziale ripartenza o un'offerta di avviare un processo di vendita dell'impianto. Tutte le offerte sono state bocciate.

Alcoa e i sindacati hanno avviato le consultazioni con un processo informale il 28 maggio 2020, dunque hanno avviato la consultazione formale per i licenziamenti collettivi che si è estesa oltre i termini regolamentari.

Il sito di San Ciprià n contiene sia un impianto di alluminio che una raffineria di allumina. Quest'ultima non è però inclusa nel processo di consultazione.

(GD - www.ftaonline.com)