Quinta seduta consecutiva in declino per Advanced Micro Devices (Amd), che lunedì ha segnato una flessione del 3,82% al Nasdaq. La striscia negativa, la più lunga in otto mesi, era iniziata dopo che Amd aveva chiuso sui massimi di 13 anni lo scorso 10 giugno. A spingere il rally, in quell'occasione, era stato l'annuncio di Microsoft sull'utilizzo dei processori Amd nella nuova generazione di Xbox. A deprimere successivamente i corsi aveva invece contribuito la revisione al ribasso dell'outlook di Broadcom, che aveva citato l'impatto della guerra commerciale lanciata da Donald Trump contro Pechino sul settore dei chip nel suo complesso. Il titolo Amd si è comunque apprezzato di oltre il 60% da inizio anno, contro il guadagno di circa il 18% del Phlx Semiconductor Index.

(RR - www.ftaonline.com)