Ancora un rialzo per il future Eurostoxx 50. Future Eurostoxx 50 in crescita dello 0,37% a 3563 punti poco dopo l'avvio. Dopo una seduta altalenante chiusasi in negativo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, deprezzatosi dello 0,38% martedì), alla riapertura degli scambi in Europa sembra essere tornato il sereno. Da valutare ora l'eventuale esaurirsi dell'effetto traino del nuovo piano di stimolo all'economia approvato in Usa. L'economia Usa continua ad inviare segnali di forza, l'Indice S&P/Case Shiller, che misura l'andamento dei prezzi delle abitazioni nelle 20 principali città americane, ha evidenziato nel mese di ottobre un incremento del 7,9% rispetto allo stesso periodo del 2019, in crescita rispetto alla rilevazione precedente (+6,5%), risultando superiore al consensus fissato su un incremento del 7%. Rispetto al mese precedente l'indice è cresciuto dello +1,6% dal +1,4% precedente (consensus +1%). Anche se dovessero iniziare le prese di beneficio in vista della chiusura dell'esercizio, complessivamente tra gli investitori prevale l'ottimismo su aspettative di un 2021 in ripresa, nella convinzione che le autorità monetarie globali continueranno a pompare liquidità nel sistema bancario per sostenere l'economia colpita dalla pandemia di coronavirus. Sul fronte del virus è positiva la notizia che Londra ha approvato il vaccino contro il Covid-19 di AstraZeneca e Oxford University, dopo che martedì Noel Wathion, vice direttore esecutivo della European Medicines Agency (Ema, l'agenzia europea del farmaco) in un'intervista al quotidiano belga Het Nieuwsblad aveva escluso che nella Ue il via libera potesse arrivare in gennaio. La Gran Bretagna, in precedenza contestata per avere approvato quello di Pfizer e BioNTech in deciso anticipo rispetto all'Ema, aveva già acquistato 100 milioni di dosi del trattamento prodotto da AstraZeneca, più facile da trasportare e conservare rispetto ai vaccini rivali. L'Ufficio nazionale di statistica di Pechino ha rivisto dal 6,1% al 6,0% la crescita del Pil della Cina nel 2019. Il dato preliminare relativo al 2020 sarà comunicato il prossimo 18 gennaio, con la Cina attesa alla sola espansione registrata dalle principali economie globali in un anno segnato dal Covid-19. Con i massimi di quota 3588 il future Eurostoxx ieri ha testato quelli del 18 dicembre che per ora hanno contenuto l'ascesa. Il future Eurostoxx dovrà superare il massimo del 18 dicembre a 3588 euro per poter considerare ripreso l'uptrend in atto dai minimi di fine ottobre e quindi terminata la fase correttiva intrapresa dal top del 18 dicembre. Le correzioni spesso si sviluppano infatti in tre segmenti, il rialzo dal minimo del 21 dicembre potrebbe ancora dimostrarsi solo la fase intermedia dell'intero terzetto, al quale mancherebbe quindi ancora una porzione ribassista per completarsi. Oltre area 3588/90 atteso il test dei 3680 punti, 88,6% di ritracciamento (Fibonacci) del ribasso dal massimo di febbraio. Solo sotto area 3540 il rischio di nuovi cali diverrebbe concreto, atteso in quel caso il test dei 3530 punti, ultimo supporto prima di quello offerto dalla media mobile esponenziale a 50 giorni a 3425 punti circa.

(AM - www.ftaonline.com)