Aquafil (+3,83%) dovrà lasciarsi alle spalle con decisione i massimi di giugno a quota 4,33 per inviare un segnale di forza capale di spingere i prezzi fino a 4,70, lato alto del canale che sale da marzo, ed eventualmente più in alto fino alle resistenze posizionate tra 5,20 e 5,40 euro. Indicazioni negative giungerebbero invece sotto 4,00 euro, media mobile esponenziale a 20 sedute.

(CC - www.ftaonline.com)