Ascopiave (-0,61%) sta raccogliendo energie fresche nel tentativo di estendere il rimbalzo partito a metà marzo da 2,70 euro verso 3,655 euro, picco del 25 marzo. Saranno necessari movimenti oltre questo riferimento per allentare le tensioni e permettere ai prezzi di risalire la china verso 3,89, poi fino ad area 3,98/4 per la chiusura del gap del 9 marzo. Sotto 3,10 attesi nuovi cali verso 2,70 poi fino a 2,40/2,45.

(CC - www.ftaonline.com)