Con riferimento alla delibera dell'assemblea straordinaria degli azionisti di Ascopiave *del 29 maggio 2020 che ha approvato l'introduzione del nuovo art. 6-bis dello Statuto sociale (la "Delibera"), Ascopiave ricorda che il 19 giugno 2020 è scaduto il termine per l'esercizio del diritto di recesso spettante, ai sensi dell'art. 2437, comma 1, lett. (g) del codice civile, ai titolari di azioni ordinarie di Ascopiave che non hanno concorso (in quanto assenti, astenuti o dissenzienti) all'approvazione della Delibera (il "Diritto di Recesso*").

Per completezza, si ricorda che il nuovo art. 6-bis dello statuto sociale ha ad oggetto un* limite all'esercizio del diritto di voto per gli azionisti che si qualifichino* (o che appartengano a un gruppo nel quale vi sia un soggetto che si qualifichi)* come operatori del settore della produzione e/o distribuzione e/o trasporto e/o acquisto e/o vendita del gas naturale e/o dell'energia elettrica e/o del settore dell'efficienza energetica e/o del servizio idrico e/o del servizio a rete in generale*.

Ascopiave comunica che, alla data 1° luglio 2020, sono validamente pervenute dichiarazioni di esercizio del Diritto di Recesso per n. 5.334.329 azioni ordinarie, rappresentanti il 2,276% *del capitale sociale di Ascopiave, corrispondenti a un controvalore complessivo di Euro 20.831.621,61 a fronte di un *valore di liquidazione per azione pari a Euro 3,9052, stabilito in conformità con quanto disposto dall'art. 2437-ter del codice civile.

Le azioni ordinarie per le quali è stato esercitato il Diritto di Recesso verranno offerte in opzione agli altri soci di Ascopiave in proporzione alle azioni da ciascuno di essi possedute (l'"Offerta in Opzione"), secondo quanto meglio descritto nel relativo avviso, che sarà messo a disposizione secondo le modalità e le tempistiche previste dalla normativa vigente e pubblicate sul sito internet della Società.

Si ricorda che:

(i) gli azionisti di Ascopiave che esercitino il diritto di opzione nel contesto dell'Offerta in Opzione avranno diritto di prelazione nell'acquisto delle azioni oggetto di recesso rimaste eventualmente inoptate nel contesto di detta Offerta, a condizione che tali azionisti formulino richiesta a tal fine contestualmente all'esercizio del diritto di opzione (l' "Offerta in Prelazione");

(ii) qualora all'esito dell'Offerta in Opzione (e della contestuale Offerta in Prelazione) residuassero azioni ordinarie Ascopiave rimaste inoptate e per le quali non sia stato esercitato il diritto di prelazione da parte dei soci, Ascopiave, sulla base dell'esito delle predette offerte, valuterà l'opportunità di collocare sul mercato tali azioni a terzi (il "Collocamento a Terzi"); e

(iii) in caso di mancato integrale collocamento delle azioni Ascopiave per le quali sia stato esercitato il Diritto di Recesso a esito dell'Offerta in Opzione, dell'Offerta in Prelazione e dell'eventuale Collocamento a Terzi, le azioni residue saranno direttamente acquistate da Ascopiave utilizzando riserve disponibili.

Ai sensi dell'articolo 2437-quater, comma quinto, del codice civile, l'acquisto da parte di Ascopiave potrà avvenire anche in deroga all'articolo 2357, comma terzo, del codice civile, potendo pertanto eccedere il limite del quinto del capitale sociale. Si ricorda altresì che, secondo quanto deliberato dall'Assemblea, l'efficacia della Delibera era soggetta alla condizione che il numero di azioni oggetto di Diritto di Recesso che avrebbero dovuto essere acquistate dalla Società ad esito della procedura sopra descritta fosse inferiore al 5% del capitale sociale (corrispondente ad un esborso a carico della Società inferiore a Euro 45.771.201,21).

Pertanto, essendo il numero di azioni ordinarie per le quali è stato esercitato il Diritto di Recesso inferiore al 5% del capitale sociale di Ascopiave, si è verificata la condizione di efficacia cui era soggetta la Delibera che, conseguentemente, ha acquisito piena efficacia.

Le modalità e i termini della procedura di liquidazione (incluso, tra l'altro, i dettagli sull'Offerta in Opzione e in Prelazione nonché sull'eventuale offerta sul mercato) saranno comunicate secondo le modalità e le tempistiche previste dalla normativa vigente e pubblicate sul sito internet della Società.

(GD - www.ftaonline.com)